WE TOO ARE PROTESTERS NO TO YOUR IMPERIALIST WAR FREE ASSANGE

We are a group of mothers, fathers, teachers and students from all over the world, and we are extremely worried about the health condition, as well as the violations of the most basic human rights, of journalist and editor Julian Assange.

The award-winning journalist, in fact, has been held for months in isolation in the maximum security of Belmarsh Prison waiting for extradition to the United States where, confirmed by United Nations experts, it will be difficult for him to have a fair trial and where he risks up to 175 years in prison or even the death penalty.

The motive for the indictment was made mainly by his having published military documents confirming corruption and atrocious war crimes; in particular his website Wikileaks documents show how the wars in Afghanistan and Iraq that have massacred millions of people were created by governments for economic interests and for the exploitation of resources. In these territories the number of terrorists has increased exponentially. Not only that, Assange unveiled the conditions of Guantanamo prisoners, abuses of every type, and tens of thousands of civilian homicides in Iraq and Afghanistan by the American army, including the assassination of two Reuters journalists all documented in the chilling video, Collateral Murder.

In Julian Assange’s long and frightening persecution, we witnessed seven years of systematic violation of his human rights. The right of citizens to question public interests was also completely ignored. Now, we refuse to participate in a further extension of psychological and physical torture perpetrated against the journalist, as reported by Nils Melzer, the special reporter of the United Nations, who found Assange in a condition of extremely troublesome health. 

We refuse also to encourage the authority of countries that are allowing this dramatic development, particularly the UK, having deprived the right to liberty for a journalist who was practising his profession, besides depriving him of the right to a fair trial, the right to take care of his own health. At the same time, this signals a very dangerous precedent for freedom of expression and freedom of the press. The numerous calls for his immediate release by the United Nations, by all the principal organizations of human rights, by international doctors, journalists, and petitions from people and civil society were not considered by authorities. This is why we believe it is essential for the present and above all for the future of democracy in the United Kingdom, as well as on the rest of the world, that students, teachers and all the citizens of the world to take a clear position in favor of the human rights of the political prisoner Julian Assange, and to do all that is possible to pressure British institutions.

There are many ways to claim justice for Assange and to protect the most elementary rights. One of these can be, for example, to write an email to the Members of the Interior in your own words. Your opinion matters. All those who take the time to write a letter will let the British government know that there are dozens more people who think in the same way. Therefore, a few hundred letters can make an enormous difference. We have outlined a few ideas, the UK Interior Secretary to respect and protect the human rights of Julian Assange. Feel free to add these points to yours and express why you think Julian Assange deserves proper care and the right to freedom. Here is the UK Secretary’s email address: public.enquiries@homeoffice.gov.uk or with us at the email address wetooareprotesters@gmail.com

Here are some crucial affirmations that can help you write your email:

Nils Melzer, the United Nations Special Rapporteur on Torture and other Cruel, Inhuman or Degrading Treatment or Punishment, says: “In 20 years of working with war victims, violence and political persecution, I have never seen a group of democratic states unite to deliberately isolate, demonize and abuse a single individual for so long a time and with such little respect for human dignity and status of rights. Julian Assange’s collective persecution must end here and now! “

More than 100 doctors have written to the UK Interior Secretary stating: “From a medical point of view from the available evidence, we have serious concerns about Mr. Assange’s suitability for trial in February 2020. Above all, it is our opinion that Assange requires urgent medical evaluation on the part of experts in both his medical and psychological health. Whatever hospital or medical treatment indicated should be administered be administered in an adequately equipped hospital and equipped with expert personnel.  We have real concerns certified by doctors that Mr. Assange could die in prison. Therefore, the situation is urgent. There’s no time to waste.”

Nearly 1000 journalists wrote an open declaration in defense of Julian Assange: “The ongoing legal action against Assange constitutes an extremely dangerous precedent for journalists, media and freedom of the press. We journalists and journalists from all over the world, express our grave fear for the welfare of Mr Assange, for his continued detention and for accusations of draconian espionage. As journalists and organizations of journalists who believe in human rights, in freedom of information, and in the right of public information, we ask for the immediate release of Julian Assange”.

Amnesty International and Human Rights Watch oppose the detention and extradition of Julian Assange, highlighting serious human rights violations due to his work with WikiLeaks: violation of his right to freedom of expression; the end of his personal freedom, freedom arising from the preventive deterrence and/or prison sentence imposed on the basis of a judiciary proceeding that violates that his freedom of expression; violation of his right to life, the death penalty could be in any proceeding that he would face in the United States; to be held in conditions that violate his rights to humane treatment and the respect for his dignity and violation of his right not to be subjected to cruel, inhumane or degrading punishment”.

We invite you to protest so that he may be immediately released and to end the imperialist wars in the Middle East by sending us a photo with the inscription #WETOOARE PROTESTERS – FREE JULIAN ASSANGE : wetooareprotesters@gmail.com

We invite you and mobilize in all useful forms with  demonstrations, signed petitions, videos, and letters to our leaders, legislators, dialogues in schools, locally and globally to put pressure on his immediate release. We are counting on the fact that you, mothers and fathers, teachers and students, citizens of all the world, are ready to defend your right to know the reason for invasions in Afghanistan and in Iraq, human rights and the state of internal and international law.

#WETOOARE PROTESTERS   FREE JULIAN ASSANGE

Siamo un gruppo di madri, padri, insegnanti, studenti di tutto il mondo, estremamente preoccupati per le condizioni di salute, nonché per la violazione dei più elementari diritti umani del giornalista ed editore Julian Assange.

Il pluripremiato giornalista, infatti è detenuto da mesi in isolamento nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, in attesa di estradizione negli Stati Uniti dove, come affermato dagli esperti delle Nazioni Unite, difficilmente sarà in grado avere un processo equo e rischia fino a 175 anni di carcere o addirittura la pena capitale.
Il motivo dell’arresto risiede principalmente nell’aver pubblicato documenti militari che attestano la corruzione e crimini di guerra atroci; il sito da lui fondato Wikileaks documenta come le guerre in Afghanistan e Iraq che hanno massacrato milioni di persone, siano state create dai governi per motivi di interesse economico, sfruttamento di risorse e in questi territori il numero di terroristi è aumentato esponenzialmente. Non solo, ha svelato le condizioni dei prigionieri di Guantanamo, abusi di ogni sorta e decine di migliaia di omicidi di civili in Iraq e Afghanistan da parte dell’esercito americano, incluso l’uccisione di due giornalisti Reuters, sono tutti documentati nel video agghiacciante Collateral Murder.

Nella lunga e spaventosa persecuzione di Julian Assange, dopo aver assistito a 7 anni di sistematica violazione dei suoi diritti umani fondamentali, allo stesso tempo si è completamente ignorato il diritto di noi cittadini di prendere coscienza di informazioni cruciali di interesse pubblico. Ora rifiutare di assistere anche ad un ulteriore prolungamento della tortura psicologica e fisica, come riportato dal relatore speciale delle Nazioni Unite contro la tortura Nils Melzer, perpetrato contro il giornalista, che si trova in una condizione di salute estremamente preoccupante.
Rifiutiamo anche di incoraggiare la deriva autoritaria dei paesi che stanno permettendo questo drammatico sviluppo, in particolare il Regno Unito, avendo privato per anni un giornalista del diritto alla libertà per aver esercitato la sua professione, privandolo inoltre del diritto a un processo effettivo, il diritto di prendersi cura della propria salute, segnando allo stesso tempo un precedente molto pericoloso contro la libertà di stampa e di espressione. I numerosi appelli delle Nazioni Unite, di tutte le principali organizzazioni per i diritti umani, di medici internazionali, di giornalisti e di innumerevoli petizioni firmate da rappresentanti della società civile, che hanno chiesto a gran voce alle autorità britanniche il suo rilascio immediato non sono stati presi in considerazione. Questo è il motivo per cui riteniamo essenziale per il presente e soprattutto per il futuro della democrazia nel Regno Unito, così come nel resto del mondo, che anche il personale scolastico, gli studenti e tutti i cittadini del mondo prendano una posizione chiara a favore del i diritti umani del prigioniero politico Julian Assange perchè si faccia tutto il possibile per esercitare pressioni sulle istituzioni britanniche.

Esistono molti modi per rivendicare la giustizia per Julian Assange e proteggerne i diritti umani più elementari. Uno di questi potrebbe essere, ad esempio, quello di scrivere ai deputati del Ministero degli Interni un’email scritta con parole tue. La tua opinione conta. Tutti coloro che si prendono il tempo di scrivere una lettera  diranno al governo del Regno Unito sapranno che ce ne sono dozzine in più che la pensano allo stesso modo, quindi anche un paio di centinaia di lettere possono fare una differenza enorme. Abbiamo delineato alcune idee, sostenendo un percorso in avanti per il Segretario interno del Regno Unito perchè si rispettino democrazia e sovranità britanniche nel proteggere i diritti di Julian Assange. Sentiti libero di aggiungere questi punti alle tue parole ed esprimi il motivo per cui pensi che Julian Assange meriti il ​​diritto di essere curato correttamente e il diritto alla libertà. Ecco l’indirizzo email del segretario di casa nel Regno Unito: public.enquiries@homeoffice.gov.uk
o con noi all’ indirizzo email wetooareprotesters@gmail.com
Ecco alcune affermazioni cruciali che possono aiutarti a scrivere la tua email:

Nils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti, ha dichiarato: “In 20 anni di lavoro con vittime di guerra, violenza e persecuzioni politiche non ho mai visto un gruppo di Stati democratici riunirsi per isolare deliberatamente, demonizzare e abusare di un singolo individuo per così tanto tempo e con così poco rispetto per la dignità umana e lo stato di diritto. La persecuzione collettiva di Julian Assange deve finire qui e ora! ”

Oltre 100 medici hanno scritto una lettera aperta al Segretario di casa del Regno Unito affermando: “Da un punto di vista medico, sulle prove attualmente disponibili, nutriamo serie preoccupazioni riguardo all’idoneità del signor Assange di essere processato nel febbraio 2020. Soprattutto, è nostra l’opinione che Assange richieda una valutazione medica urgente da parte di esperti del suo stato di salute sia fisico che psicologico. Qualsiasi trattamento medico indicato dovrebbe essere somministrato in un ospedale adeguatamente attrezzato e dotato di personale esperto. Abbiamo reali preoccupazioni certificate da medici che il signor Assange potrebbe morire in prigione. La situazione è quindi urgente. Non c’è tempo da perdere “.

Quasi 1000 giornalisti hanno scritto una dichiarazione aperta in difesa di Julian Assange dicendo: “L’azione legale in corso contro Assange costituisce un precedente estremamente pericoloso per giornalisti, organizzazioni mediatiche e la libertà di stampa. Noi, giornalisti e organizzazioni giornalistiche di tutto il mondo, esprimiamo la nostra grave preoccupazione per il benessere del signor Assange, per la sua detenzione continua e per le accuse di spionaggio draconiane. Come giornalisti e organizzazioni di giornalisti che credono nei diritti umani, nella libertà di informazione e nel diritto di conoscenza del pubblico, chiediamo il rilascio immediato di Julian Assange “.

Amnesty International e Human Rights Watch si oppongono alla detenzione e all’estradizione di Julian Assange evidenziando gravi violazioni dei diritti umani dovute al suo lavoro con Wikileaks: violazione del suo diritto alla libertà di espressione; violazione del suo diritto alla libertà personale, derivante da qualsiasi detenzione preventiva e / o pena detentiva imposta sulla base di un procedimento giudiziario che viola la sua libertà di espressione; violazione del suo diritto alla vita, la pena di morte potrebbe essere in qualsiasi procedimento che affronterebbe negli Stati Uniti; essere tenuto in condizioni che violano i suoi diritti al trattamento umano e il rispetto per la sua dignità e la violazione del suo diritto a non essere sottoposto a trattamenti o pene crudeli, disumani o degradanti “.

Ti invitiamo a protestare perchè sia rilasciato immediatamente e per porre fine alle guerre imperialiste in Medio Oriente mandandoci una o più foto con la scritta WE TOO ARE PROTESTERS NO TO YOUR IMPERIALIST WAR FREE JULIAN ASSANGE e inviarlo a: wetooareprotesters@gmail.com
Ti invitiamo inoltre a mobilitarti in tutte le forme utili con dimostrazioni, petizioni firmate, video, conferenze organizzate, scritti ai nostri parlamentari locali, parlandone nelle scuole di tutto il mondo nel tentativo di fare pressione sulle istituzioni perchè sia immediatamente rilasciato. Contiamo sul fatto che anche voi, madri e padri, insegnanti e studenti, cittadini di tutto il mondo siate disposti ad agire per difendere il vostro diritto di conoscere il motivo delle invasioni in Afghanistan e in Iraq, i diritti umani e lo stato del diritto interno e internazionale.

WE TOO ARE PROTESTERS NO TO YOUR IMPERIALIST WAR FREE ASSANGE

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito